WWW.PIETRAVAIRANO- CE.IT

Home Su ARRIVARE teatro-tempio SAN NICOLA STORIA grimaldi LIBRI & AUTORI LE CHIESE pastori del 700 itinerari i castelli SATIRICON I LUOGHI ALBUM FOTO OPINIONI                       

 

Gli emigranti pietravairanesi nello Stato del Rhode Island  

(1870-1940)

Questa ricerca è stata effettuata da Pino Angelone.

In ordine cronologico il pioniere dell’emigrazione pietravairanese verso lo Stato del  Rhode Island fu Pasquale Zoglio, che vi giunse nel 1872 circa. Apparteneva ad un piccolo gruppo di emigranti dell’Italia Meridionale. Era sbarcato al vecchio Battery Park di New York. Fu indotto ad andare in America perché gli era stato proposto un lavoro in Simmonsville, in un vecchio mulino di proprietà di un certo Ben Almy. Un altro pioniere fu Antonio De Angelis che vi giunse nel 1874. Fu poi la volta di Antonio di Meo con la moglie Michelina, di professione infermiera,  nel corso degli anni ’90 dell’800. Tra i pionieri sono da menzionare: Luigi Marrocco, Crescenzo Del Sesto, Giovanni Di Muccio, Eraclio Mancini, Alessandro Durante, Raffaele Romano e Eraclio Romano che vi giunsero negli anni ’80; Francesco Mangiante, Benedetto Mangiante, Giuseppe Scorpio, Raffaele Bassi, Antonio Vessella, Luigi Scorpio, Achille De Michele, Enrico De Angelis e Raffaele Nassi ed altri che vi giunsero negli anni 90.    La massa degli emigranti pietravairanesi trovò impiego come carpentieri, muratori, tagliatori di pietre, barbieri, sarti, calzolai. Molti trovarono lavoro nelle industrie siderurgiche. I primi emigranti si stabilirono nella città di Providence nel congiungimento di Spruce Street con Acorn Street e di Cedar Street e West Exchange Street.Gradualmente iniziarono poi a spostarsi verso Atwell Avenue a più tardi su Broadway Street e strade limitrofe.Successivamente, molti di essi si spostarono a Mount Pleasant, altri a Silver Lake e Cranston.                                                                                     Personaggi illustri :

I discendenti dei primi emigranti pietravairanesi ebbero una rapida ascesa economica e culturale, giocando un ruolo molto attivo negli affari civili della città e dello Stato. Fra i professionisti sono da menzionare:

  1.   Antonio Romano, nativo americano, avvocato

  2. Frank J. Rivelli e Ralph Rotondo, avvocati

  3.   Dr. Anthony Romano, nativo americano, medico

  4.   Dr. Angelo Scorpio, nativo americano, medico

  5. Dr. Ferdinando Scorpio, il primo medico tra gli emigrati di Pietravairano che negli anni ’30 fece ritorno nella sua cittadina natìa dopo aver risieduto per oltre 40 anni in Providence .

 

Altri emigrati attivi nella comunità furono:

          Achille Mangiante, Segretario del City Zoning Board (Assessore all’Urbanistica?)

           A. Alfred Marcello, giornalista

           Anthony Gentile, Capitano del Dipartimento di Polizia

           Joseph Durante, farmacista

           Thomas Tarro, proprietario di una farmacia e Consigliere cittadino

           Frank Del Sesto, farmacista

           Robert E. Durante, nativo americano, operatore cinematografico

           Paul D’Agnenica, primo consigliere (former councilman), venditore di terreni

           Michael Romano, commerciante di accessori per auto

           L. Del Sesto, commerciante di frutta all’ingrosso

           Cresty Del Sesto, commerciante di liquori

           Francesco Robbio, commerciante di gelati

           Luigi Scorpio, commerciante di grocery

           Albert Di Meo, commerciante di abbigliamento

           Arthur O. Marcello, nativo di Providence, direttore pubblicitario di un magazzino a Pawtucket

           David E. Marcello, nativo di Providence, commerciante di materiali per dentisti e former Police Commissioner di Hartford, Conn.

Thomas Tarro, Ph. G.   

Nato in Providence il 25 marzo 1894, era figlio di Michele e Rachele Creta, entrambi emigrati pionieri. Ricevé la sua prima educazione nella scuola pubblica di Providence (Providence public school). Frequento, successivamente, il R.I. College of Pharmacy, nel quale si laureò come Medico nel 1923. Entrato nel mondo politico, fu un fervente Democratico e lavorò molto per l’affermazione del suo partito nella sezione di Silver Lake. Nel 1929 fu eletto Consigliere dell’8th Ward (poi 7th Ward) nel quale ufficio lavorò intensamente ed ebbe attestati di stima dai suoi elettori. Fu Chairman of the Highway and City Property Committees, e membro della Board of Contract and Supply e di altri comitati. Fu affiliato alla Società di San Bartolomeo, alla Società di San Liberato, alla Lira Society, all’Elks and Silver Lake Democratic Club. Si sposò il 22 giugno 1919 con Clara Gentile dalla quale ebbe quattro figli: Margaret, Lilian, Florence e Thomas jr.

Michael A. Tarro M. D.

Nato a Providence il 31 maggio 1907, era figlio di Michele e Rachela Creta, nativi di Pietravairano. Frequentò la Providence Public School e la Classical High School dove si diplomò nel 1924. Frequentò, poi, il Providence College ottenendo il diploma nel 1930 con il grado di Ph.B. Entrò nella Loyola University Medical School di Chicago, Illinois, ottenendo la certificazione per lo svolgimento dell’attività medica nel giugno 1934. Ottenne la laurea in M.D. il 12 giugno 1935 dopo aver svolto apprendistato (tirocinio) al Saint Thomas Hospital di Akron, Ohio. Iniziò la sua pratica medica in Providence il 16 luglio 1935. Nel 1933 sposò Goldie Wright.  

Anthony Romano, M. D.    

Nato a Providence il 13 Novembre 1896, era figlio di Eraclio e Rosa Viti, entrambi emigrati pionieri. Educato alla Providence public school e alla Classical High School nella quale si diplomò nel 1916. Nel 1920 ottenne la laurea in Bachelor of Arts alla Brown University. Entrò successivamente al Jefferson Medical College di Philadelphia, Pa. nel quale si laureò nel 1924. Fece il suo apprendistato nel Grace Hospital in New Haven, Conn. Cominciò a praticare attivamente la medicina nel gennaio del 1926 in Providence. Fece parte delllo staff medico del Rhode Island Hospital, del Lying-In Hospital e dell’Homeopathic Hospital. Fu membro della Providence Medical Society, del Malpighi Medical Club e dell’Aurora Club. Nel 1925 sposò Catherine Vessella dalla quale ebbe due figli: Robert Anthony e Geraldine Rose.

Michael Romano    

Nato a Pietravairano il 15 febbraio 1886, era figlio di Raffele e Cecilia Robbio. Ricevé la sua prima educazione nella scuola pubblica della città natale. All’età di nove anni si trasferì nel Rhode Island con la madre, unendosi con il padre che vi era emigrato qualche tempo prima. Studiò nella scuola pubblica fino all’età di 11 anni, quando ottenne un impiego presso l’Atlantic Mills e, successivamente, ottenne l’incarico di  elettricista in turni serali.Successivamente passò alla General Fire Extinguisher Company dove svolse la mansione di elettricista. Con il Foundry Department della stessa compagnia ottenne l’incarico di ingegnere. Successivamente fu incaricato di testare gli apparati prodotti dalla General Electric Company di Lynn, Mass., svolgendo anche funzioni di ricerca.Durante la prima guerra mondiale fece parte dell’equipaggio di un sottomarino dell’U.S. Navy. Nel frattempo frequentò il Massachusetts Institute of Technology. Successivamente la General Electric Company lo trasferì in una piattaforma più grande a Schenectady, N. Y. con l’incarico di Ispettori di materiali di ingegneria per l’U.S. Navy. Nel 1924 ritornò a Providence dove fondò la Hackett Products Company che si occupava della realizzazione di accessori e pezzi di ricambio per autovetture. La sua intelligenza, il suo senso per gli affari e la sua gestione oculata portò la società a diventare una delle migliori nel suo settore. Michael Romano fu sicuramente uno dei maggiori uomini d’affari italo-americani del tempo. Fu membro dell’American Institute of Electrical Engineers e membro dell’Aurora Club. Nel 1927 sposò Adelina Varone dalla quale ebbe tre figli: Ralph, Michael jr. e Cecilia.

Alfred A. Marcello

Nato a Providence il 19 aprile 1904, era figlio di Luigi e Teresa Villani. Suo padre Luigi fu uno dei più leader del partito Democratico in Federal Hill ed aveva fatto parte del Providence City Council. Era stato anche Venerable of Loggia Italia Order Sons of Italy. Alfred studiò nella Providence Public Schhol, frequentò il Technical High e, successivamente, il Bryant College. Fu impiegato per 13 anni al News-Tribune, lavorandovi quando il giornale era conosciuto come Providence News. Fu uno dei primi reporters di estrazione italiana nel Rhode Island. Fu autore di alcuni saggi sul problema sindacale ed in particolar modo del King Features Sindycate. Fu corrispondente per lo Stato del Rhode Island per la nota rivista di spettacolo e costume “Variety”.

Gennaro Carlone

Nato a Pietravairano il 14 ottobre 1895, era figlio di Antonio e Teresa De Robbio. Frequentò la scuola pubblica del paese natale e prestò servizio di leva nell’Esercito Italiano. Nel 1921 emigrò negli Stati Uniti, stabilendosi in Pawtucket, R.I. Appena arrivato ottenne un impiego presso un negozio di generi alimentari. Il 28 maggio 1928 aprì un generi alimentari di sua proprietà a Pawtucket. Qualche anno dopo vendé quel negozio per aprirne un altro al 1075 Charles Street di North Providence nel quale ha operato con successo dal 1933. Il 27 dicembre 1929 sposò Gabriella De Robbio, nativa di Pietravairano, dalla quale ebbe due figli: Antonio e Vincenzo.

Ralph  Lombardo 

Nato a Providence il 2 febbraio 1910, era figlio di Antonio e Angiolina Di Muccio. Suo nonno materno Giovanni Di Muccio era stato uno dei emigranti pionieri nel Rhode Island nel corso degli anni ’80 dell’800.   Frequentò la scuola pubblica locale e successivamente la Technical High School e il Rhode Island State College diplomandosi con il High School  e il Rhode Island State College diplomandosi con il grado di B.S. nel 1932. Nel 1933 ottenne un impiego presso la compagnia d’assicurazioni John Hancock Mutual Life Insurance Company. Ambizioso ed energico nel giro di pochi mesi fu promosso Assistent District Manager, nel 1935. Era membro dell’Aurora Club, dell’Italo-American e dell’Unitas Catholic Club. Il 26 agosto 1935 sposò Genevieve Fogarty, nativa di Providence, che gli diede due figli: Ralph B. jr. e David A.

Christopher Del Sesto

Autore del piano che era alla base delle misure adottate dalla General Assembly del 1 gennaio 1935 per la riorganizzazione dei vari Dipartimenti dello Stato. Nacque a Providence il 10 marzo 1907, figlio di Eraclio (morto nel 1935) e Rosa Geremia (morta nel 1937), nativi di PietravairanoFu il più giovane italo-americano che rivestì importanti ruoli negli affari dello stato del Rhode Island, che rivestì incarichi in moltissime Commissioni e Dipartimenti dello Stato e che ottenne ed analizzò le informazioni riguardanti l’organizzazione degli allora 48 Stati dell’Unione. Dopo aver analizzato i dati lavorò ad un piano per gettare le basi delle misure adottate nell’Assemblea Generale del 1 gennaio 1935. Dopo aver completato gli studi presso la Commercial High School, classe del 1924, entrò alla Boston University, dove si laureò nel 1927 con lode con il grado di B.B.A. Successivamente studiò al Northeastern University Law School per due anni dove ottenne la laurea in Giurisprudenza.. Insegnò contabilità per due anni alla Boston University ed un anno alla Taunton High School e alla Providence evening school (scuola serale) e alla Northeastern University. Contemporaneamente svolgeva lavori di contabilità e con Pace, Gore e McLaren ebbe la certificazione pubblica di contabile (Certified Public Accountant). Come avvocato fu ammesso prima nel Distretto di Columbia e successivamente fu ammesso a praticare nello Stato di Rhode Island dopo aver superato un esame. Divenne membro del Bars of the District of Columbia e State of Rhode Island e prestò servizio al U.S. Treasury Department (Ministero del Tesoro), alle Federal Courts, alla Tax Court e alla United States Supreme Court. Era specializzato in tasse e finanze occupandosi di spinosi problemi connessi a quelle materie. Fu membro del comitato consultivo in materie finanziarie dell’University of Rhode Island. Le sue importanti qualifiche lo condussero all’appuntamento del 28 aprile 1933 come Chief Accountant (Capo Contabile) nell’ufficio di Antonio Prince, Treasurer (Tesoriere) dello Stato del Rhode Island. Il 15 aprile 1935 il Governatore Green, nominò il Del Sesto Budget Director e Comptroller dello Stato, per i suoi meriti ottenuti in servizio. Svolse questo nuovo incarico con dedizione e abilità ottenendo lodi dallo stesso Governatore e dai cittadini. Fu membro della State Unemployment Relief Commission (Commissione per l’assistenza ai disoccupati). Fu anche membro della State Emergency Public Works Commission (Commissione per i lavori Pubblici di Emergenza) delineando molti progetti durante la depressione economica americana. Il suo impegno portò alla costruzione di numerosi edifici allo State Institutions a Howard, allo State Sanatorium a Wallum Lake, edifici per il Rhode Island State College, per lo State Airport, State Pier a Galilee, e molti altri progetti. Fu anche membro “ex officio” del Board of Trustees of Rhode Island State College. Membro dello State Retirement Board for State Employees. Lavorò per la riorganizzazione del Governo dello Stato nel 1935. Nel Federal Government fu membro dello staff del Chief Accountant, Security & Exchange Commission, e Special Assistant dell’Attorney General degli Stati Uniti nella Anti-Trust Division del Department of Justice, Washington D.C. Come membro del Ministero della Giustizia si occupò di alcuni casi relativi al monopolio del latte: uno dei casi più importanti fu quello relativo all’area di Chicago. Successivamente si occupò dello stesso problema per l’area di New York il cui Sindaco era La Guardia. Si occupò, poi, di problemi relativi al monopolio dei prodotti petroliferi .Durante la seconda guerra mondiale fu nominato State Director dell’Office of Price Administration of Rhode Island occupandosi del controllo dei prezzi e dei razionamenti. Il modello da lui organizzato per lo Stato del Rhode Island fu adottato in tutto il paese. Il suo modello fu pubblicizzato con un articolo che spiegava dettagliatamente l’organizzazione dal giornale Saturday Evening Post che aveva una tiratura di 3.000.000 di copie. Il Liberty Magazine, un giornale che vendeva milioni di copie, realizzò un articolo in cui si spiegava dettagliatamente l’attività del Rhode Island Office per combattere il mercato nero durante la guerra. Come Direttore dell’ OPA (Office of Price Administration) aveva tracciato un modello che fu considerato un vero e proprio capolavoro. I suoi discorsi e le interviste rilasciate ai giornali furono ristampate e più di 500.000 copie furono distribuite in tutto il paese. Nell’estate del 1944 fu premiato con una citazione del Providence Journal per essere stato una delle dodici persone che maggiormente avevano contribuito agli affari civili durante il periodo della guerra. Fu candidato Repubblicano come Sindaco di Providence nel 1952. Fu sconfitto ma ricevé il numero di voti più alto per un candidato repubblicano, eccezion fatta per Collins nel 1938. Fu candidato per la carica di Governatore del Rhode Island nel 1956. Dapprima eletto, non poté svolgere l’incarico perché la Corte Suprema invalidò 4954 voti.Ricandidatosi nel 1958 vinse nuovamente e fu eletto. Mantenne l’incarico per due anni fino al 1960. Il 12 ottobre 1933 aveva sposato Lola Elda Faraone, nativa di Providence, ed ebbe tre figli: Christopher T., nato il 9 ottobre 1935, studente alla Harward Law School; Ronald W., nato il 25 ottobre 1940, Freshman alla Georgetown University; Gregory T., nato il 17 ottobre 1949, studente presso la Moses Brown School di Providence. Fu membro del Rhode Island Bar Association, American Bar Association, R.I. Society of Certified Public Accountants, Turks Head Club, Italo-American Club of Rhode Island, Aurora Club, Dunes Club, University Club, St. Liberato Catholic Society, e National Association of Cost Accountants.

Saint Liberato Catholic Society. 

 Gli emigranti pietravairanesi che si stabilirono nell’area di Silver Lake fondarono una Società Cattolica in onore di San Liberato, un santo particolarmente venerato in Pietravairano. La Società fu fondata nel 1923 ed ebbe vita fino alla fine degli anni ’50 quando, a causa della scomparsa di molti dei soci fondatori, le attività della stessa iniziarono a cessare. Attraverso le donazioni economiche degli emigrati pietravairanesi fu realizzata una statua del santo simile a quella che è esposta nel Convento di Santa Maria della Vigna in Pietravairano e quella più nota del Santuario di Roccamandolfi dove si conservano le spoglie del santo. La statua fu posta alla venerazione dei fedeli nella Chiesa di San Bartolomeo in Silver Lake, Providence. La chiesa (St. Bartholomew’s Church) fu fondata nel 1907 dagli emigranti provenienti da Vairano Patenora. La statua di San Liberato rimase nella Chiesa di San Bartolomeo fino al 1965-66 quando, a causa dello scioglimento della Società e l’inaugurazione di un nuovo edificio per la stessa chiesa, fu presa in custodia da Albert Nota, già presidente della Società, che la fece custodire provvisoriamente in una piccola cappella della chiesa di Hope, R.I. Successivamente, per evitare che la statua andasse perduta a causa della sopravvenuta indisponibilità nello spazio della cappella suddetta, si decise di affidarla a Vincent Ferranti, emigrato da Roccamandolfi. Il Ferranti costruì una teca nel recinto della sua abitazione per custodirvi la statua. La statua è stata custodita in questa sede fino al 1998. La Società di San Liberato organizzava molte manifestazioni. Una delle più importanti era lo svolgimento di un banchetto annuale al quale prendevano parte i membri della Società ed alcuni membri onorari, esponenti di spicco del mondo politico, culturale, economico e sociale.

 Saint Eraclio Catholic Society 

Gli emigranti pietravairanesi che si insediarono nell’area di Federal Hill fondarono, invece, una Società Cattolica in onore di Sant’Eraclio, martire africano, protettore della cittadina di Pietravairano. Poche notizie si hanno sulla Società. Anch’essa ebbe un periodo di  vita molto breve. Attraverso una serie di testimonianze è possibile attestare che gli emigrati parteciparono ad una colletta per la realizzazione di una statua raffigurante il santo. La statua fu posta alla devozione nella chiesa di Holy Ghost a Federal Hill. Non è dato sapere dove la statua sia stata collocata dopo lo scioglimento della Società. Alcuni ricordano che fu affidata ad una certa famiglia Caduto originaria di Pietravairano.

Giuseppe Angelone

 Per effettuare una ricerca sui propri parenti emigrati in America consultate il database del sito http://www.ellisisland.org/

P.S.: Ringrazio cordialmente i miei cugini John F. Bianco e Donald D. Bianco residenti rispettivamente a Cranston e Johnston, Rhode Island (U.S.A.) per il reperimento del materiale bibliografico usato per realizzare il testo di questa pagina. 

Home ARRIVARE teatro-tempio SAN NICOLA STORIA grimaldi LIBRI & AUTORI LE CHIESE pastori del 700 cultura tradizioni itinerari i castelli SATIRICON I LUOGHI ALBUM FOTO OPINIONI