WWW.PIETRAVAIRANO- CE.IT

Home ARRIVARE teatro-tempio SAN NICOLA STORIA grimaldi LIBRI & AUTORI LE CHIESE pastori del 700 cultura tradizioni itinerari i castelli SATIRICON I LUOGHI ALBUM FOTO OPINIONI                       

 

  Tempio e Teatro San Nicola - IV secolo a.C.

    PIETRAVAIRANO       per chi volesse visitare Pietravairano o il teatro tempio può mettersi in contatto con il Comune di Pietravairano o con il sottoscritto

       

Il Teatro Tempio San Nicola nasce presumibilmente in età ( Romana-Repubblicana 509-343 a.C.)  unico nel suo genere sopratutto per il suo posizionamento in altura. Si tratta di fortificazioni di varia tipologia e grandezza con mura in opera poligonali che si caratterizzano lungo le dorsali ad una quota che va dai 300-600 metri. Arroccate su posizioni elevate esse dovevano rappresentare l'elemento più caratterizzante del paesaggio antico, perlomeno in epoca preromana. Spesso si tratta di strutture complesse, e documentano una stabile occupazione dei siti, connesse alla esigenza di sfruttamento e di sorveglianza del territorio e delle vie di comunicazioni. si ha l'impressione che tali strutture siano poste in reciproca connessione , al fine di assicurare un effettivo ed efficace controllo su tutto il comprensorio. Esse siano parte di un organismo sistema di gestione e controllo del territorio, la cui genesi e il cui sviluppo, se non determinati dalle vicende delle guerre sannitiche, furono da esse sollecitati e comunque ad esse collegate.

 

In prossimità del lato ovest del monte San Nicola viene scoperta la cinta fortificata preromana, la presenza di tale sito già segnalato da esperti e studiosi locali, è stata in anni più recenti messa in luce da D.Caiazza* .

Il Tempio si pone nel punto più alto dell'altura al centro di una terrazza artificiale grosso modo quadrata che ne  ha regolarizzato il profilo e che appare su tutti i lati delimitata da un muro di sostruzione si innestano setti murari in opera incerta , pertinenti forse a una sistemazione in forme monumentali dell'accesso all'edificio sacro. dell'alzate del tempio non rimane nulla, ma la planimetria interne dell'aedes risulta ancora ben leggibile.

Del Teatro il settore meglio riconoscibile è rappresentato dall'edificio scenico, conservato a livelli di iposcenio, è comunque è tutt'ora caratterizzato dalla presenza dei paraskènia ; di esso uno è ancora in buona misura preservato in elevato per una ragguardevole misura. Quanto alla caveia, è abbastanza agevole per poter distinguere e seguire l'andamento degli analemmata, ovvero i muri di contenimento della stessa specialmente quelli frontali, rettilinei, mentre più improbabili appaiono le gradinate; la caveia , a forma di emiciclo, si presenta in ogni modo addossata al pendio, di cui sfrutta l'inclinazione. La tecnica edilizia impiegata sembra essere opera incerta, realizzata con scapoli di calcare locale, di grosse e medie dimensioni, appena sbozzati, uniti da tenace malta, rappezzati con rari blocchi di tufo.

  

LA SCOPERTA DEL  TEATRO - TEMPIO "SAN NICOLA" DI PIETRAVAIRANO  

 (LA DESCRIZIONE SCOPERTA FATTA DA NICOLINO LOMBARDI *)

Ero già stato su questo versante del monte Urlano, per visitare la cinta megalitica che percorre la cresta del monte San Nicola e avevo già fotografato i ruderi del complesso tempio - teatro in un momento in cui si presentavano nudi a causa di un incendio, ma la mia attenzione era stata carpita dalla regolarizzazione della cima a mt. 326, la "nghianatella", immediatamente a monte della frazione Sant’Eremo di Pietravairano e poi, francamente, non avrei mai pensato, che addirittura un teatro, spesso evidente, potesse essere sfuggito all’attenzione dei frequentatori del posto, sebbene disinteressati a queste strutture e poco allenati a vederle. È un periodo in cui non riesco a dedicare più molte energie al volo e solo di tanto in tanto mi reco al campo, più che altro per non perdere il contatto con gli amici e la familiarità con la macchina volante, ma non si può certo restare a casa in una mattinata come quella del quattro di febbraio (4) dell’anno 2000, una di quelle mattinate come ce ne sono poche in un anno, di quelle senza vento ma luminose, fredda, adatta al volo ed alla foto, con la nebbia distribuita a strati livellati sui meandri del Fiume, una mattinata con un po’ di tempo libero e tante cose da fare. Quella mattina volevo fotografare Marzanello, la chiesa di Santa Mennea a Gioia ed una frana in partenza, sempre a Gioia, sulle colline argillose che si trovano a sud dell’abitato.
Anche questa volta, nel sorvolare la zona di Pietravairano, guardo al monte Urlano, soprattutto per cercare di capire l’andamento del muro megalitico che percorre il versante sud della montagna, in località San Nicola e osservo i ruderi del teatro, ma con scarso interesse, in quanto per il passato mi ero fatto l’idea che appartenessero ad un edificio di età medioevale.
Questa volta, però, la "symmetria" salta immediatamente all’occhio e in un baleno è tutto chiaro: il tempio e il teatro mi sembra addirittura di vederli, col colonnato ancora in piedi e le ampie gradinate colme di spettatori. Ci torno e ci ritorno sopra per fare foto a diverse altezze e ogni cosa è sempre più chiara. A casa poi, vado immediatamente a rispolverare le foto prese in altre occasioni e, proiettandole, mi chiedo come ho fatto a non capire prima.  Nel caso di Pietravairano queste due strutture della Civiltà del Mediterraneo, denunziate all’affioramento di tracce di muratura, le ritroviamo insieme, probabilmente pensate insieme e quindi fuse in un unico edificio, razionale e carico di senso religioso e perfettamente inserite nel contesto della natura circostante. Forse un odeon e, poco distante dal tempio, la cisterna e i resti del caseggiato, un po’ come a Roccavecchia di Pratella, sulla sponda opposta del fiume Volturno.

*  NICOLINO LOMBARDI   San Potito Sannitico, 15 febbraio 1957 Studioso, storico,Dirigente scolastico presso ISISS Pidimonte Matese (CE)

 

la prima immagine del teatro tempio san nicola

 

 

 

 

 

 

          teatro tempio san nicola durante e dopo alcune fasi di restauro.

 

                 

 

     

 

        

                                                             

DOPO 2000 anni al teatro tempio san nicola di Pietravairano riprendono gli spettacoli teatrali

   

inizio pagina

Ultimo aggiornamento: 09-07-17 20.12