WWW.PIETRAVAIRANO- CE.IT

Home Su ARRIVARE teatro-tempio SAN NICOLA STORIA grimaldi LE CHIESE pastori del 700 cultura tradizioni itinerari i castelli SATIRICON I LUOGHI ALBUM FOTO OPINIONI                       

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 14-06-17             Benvenuti nel mio sito Web!   scrivi email         

PROVERBI PIETRAVAIRANESI

Si febbraio n febbraria , marzu male ci penza.

Se a febbraionon piove, marzo sar cattivo.

A marzu  put e zappa, e preja Diu c nun t scappa.

Nel mese di marzo bisogna potare e zappare ,e sperare che il tempo sia sempre clemente.

Marzu marzacciu glasunu miu ha spuntatu j curnicciu.

A marzo anche il mio asino diventato pi maldestro.

Quannu marzu v , fa utr i porci.

A volte il mese di marzo molto piovoso.

Innaru siccu massaru riccu.

Gennaio secco , agricoltore ricco.

Innaru scassa pagliaru.

Il vento nel mase di gennaio rompe i pagliai

Chiove e maletiempu fa a casa e glati c male a st.

Quando piove ed maltempo meglio stare a casa propria.

E maletiempu quannu ci st a neggia a Catreula.

Quando sul monte Caievola che sovrasta Pietravairano c la nebbia, ci si appresta ad un sicuro temporale.  

Se unisce u scafare e u maletiempu.

Ci sono due fattori negativi per la traversata del fiume il traghettatore e limminente maltempo.  

A fattu i quattu e maggio.

Chi riuscito in una storica impresa, e  se ne gode.

Ricette a veccia maggiu e ancora friddu aggiu.

La vecchia nel mese di maggio alle prime giornate di sole aveva ancora freddo.

L'ove ca' nn s rompono a Pasca nn s rompono cchi.

Le uova vanno rotte a Pasqua, altrimenti non si rompono pi.

Natale c sole , pasqua c tizzone.

Natale con il sole, Pasqua con cattivo tempo.

A' pigna c nn se magna  a Pasca nn se magna cchi.

La Pigna un antico dolce Pasquale, che veniva consumato solo in quella occasione.

A chiovere e mur nn ce v niente.

La pioggia come  la morte imprevedibile pu improvvisamente sopravvenire.

S chiove ai quattu brillanti chiove p tuttu ju mese.

Se piove il quattro di aprile piove per tutto il mese.

A aglina veccia fa sempe bbroru    bbuonu.

La donna anziana dispensa consigli e saggezza , frutto dellesperienza accumulata, cos come la gallina vecchia fa un buono brodo.

A aglina fa gluovu e u agliu ngenne ju culu.

E leterna disputa su chi lavora di pi tra luomo e la donna; sembra essere in questo caso la donna ad essere considerata la pi sacrificata nel lavoro.

A bellezza finu a porta e a bunt finu a morta.

E meglio avere pi bont danimo che bellezza esteriore.

                                   A bucia a pace r casa.                        

 A volte dire delle piccole bugie serve soprattutto in famiglia a rasserenare e a raggiungere la cosiddetta pace familiare.

A cammisa che nun v st c te , pigliala  e stracciala.

Chi prova disagio a stare con noi meglio mandarlo via, non serve.

A Cannalora, si jocca o chiove, vierne fore, si bontiemp viernu  rentu.

Il giorno della Candelora ovvero della Purificazione della Vergine, se nevica o piove linverno si pu dire  finito, se invece il tempo buono, linverno potrebbe riservare ancora molte sorprese.

                 A crianza   cch 'a fa , no ' cch 'a riceve.                    

 La buona azione creanza vale soprattutto per chi la fa, non  chi la riceve.

     A cunfrenza padrona da mala cranza.                         

Dare troppa confidenza , a volte pu essere interpetrata male da chi la riceve, e spesso pu sfociare in dissidi insanabili.

A cannla se cunsuma e 'a    prucessione nn cammina.

E un inno contro gli sprechi inutili ed il superfluo, perch indica che la candela accesa durante la processione si sta inesorabilmente consumando, e la processione si fermata, quindi c un grande spreco di cera.

'A cuntentezza vene ru core.

La felicit viene dal cuore, un sentimento che nasce spontaneo.

A canzona e glacquari.        

Dire e ridire o fare sempre la stessa cosa o perpetuare sempre  negli stessi errori, come un ritornello di una canzone, che ripete sempre lo stesso ritornello.

Acquaiu lacqua fresca?

Quando si chiede una conferma di un fatto o di una cosa ad una persona complice  compiacente o cointeressata alla stessa cosa, e spesso la si usa come testimonianza di comodo, per affermare le cose concordate in precedenza.

A capu che nun pensa se ciama cucozza.

La testa fatta per pensare; chi non la usa come se avesse al suo posto una zucca vuota.

A carne e vaccina sbruvogna chi a cucina.

La carne bovina a volte non ha una buona resa in cucina, e la cuoca spesso va incontro ad una magra figura.

A carta e musica nmmani a i cicati.

Lo spartito musicale difficile da leggere, figurarsi per coloro che non sanno neanche una nota.

A Cicciuvettula triste a chi guarda n add canta.

La civetta del malaugurio triste dove rivolge lo sguardo.

 

INIZIO PAGINA